Figurine / Roma, buio in sala?

Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Africa? Ricordando un film lontano più di mezzo secolo che lasciò traccia anche per quel titolo lunghissimo, aggiorniamo la domanda: riusciranno i cinematografi delle città italiane, e non solo italiane, a sopravvivere al Covid-19? Se ci dobbiamo basare sui numeri del 2020 e sull’ascesa di Netflix, Prime Video e simili, la morte sembrerebbe quasi certa, anche perché il coronavirus ha attaccato un corpo già indebolito, come testimonia il progetto Buio in sala di Giovanni Corsi, da cui proponiamo tre “figurine” scattate a Roma ben prima che la pandemia si diffondesse.

Eppure c’è chi è pronto a scommettere che le sale sopravvivranno, purché siano capaci di offrire una esperienza diversa da quella del divano di casa. Certo, la parola “esperienza” è stata usata così spesso e così male da diventare quasi insopportabile, ma cercheremo di dimenticarla, spinti come siamo, tutti o quasi, dal desiderio di ritrovare una dimensione collettiva dopo le clausure degli ultimi mesi. Buio in sala, forse. E forse no.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...