Indagini / Nella Nobili, la riemersione

Claudio Canal

Il Giardino del Signore si è riempito

Di angeli dalle nere ali

Che volando con furia

Devastano tutte le piante.

Il Signore sarà impallidito

E il suo perdono crudele

Come un fulmine avrà scagliato.

E il mio sogno che a lungo sostava

Fra queste magiche piante –

Dopo tanta devastazione –

Griderà la sua pena piangendo

 

 

Non era una piccola fiammiferaia, Nella Nobili, come sembrerebbe dal foglietto editoriale, era un vortice di poesia quando pubblicava nel 1949 il suo primo libro. Lo sguardo benintenzionato e marchiatore del volantino sclerotizza il futuro anteriore della giovane poeta rannicchiata in un angolo della piccola cucina ecc. In saecula saeculorum.

Saranno frequentazioni adeguate le sue, circoli di cultura alta e di prosopopea di gruppo. Che brava la lattaia, l’apprendista, l’operaia, la soffiatrice. Dai Nella, recitaci ancora una tua poesia.

Madre – Voglio ballare!

Dammi il vestito rosso.

Voglio andare ballando

Sulle rotaie del tram

Per tutta la città.

Campanaro – suona un valzer

Dal campanile grande –

Venite tutti in piazza

A cantare e a ballare.

Piangeremo domani.

La grancassa della memoria mi strimpellava spudoratamente. Alla fine il libro è riapparso. Da quale bancarella l’avessi colto e quando non avevo flashback. Potevo sfogliarlo, Tosi e Danzi Editori in Roma, 1949.

Il subbuglio mi era venuto con la lettura di un articolo molto bello di Sara De Simone su Il Manifesto del 24 settembre scorso: Nella Nobili, in ascolto del mondo. Ovvero la postuma riscoperta, le frequentazioni italiane e l’autoesilio in Francia, l’amore per Rossana, il suicidio del febbraio 1985.

Oggi infine una riedizione Ho camminato nel mondo con l’anima aperta (Solferino, pp. 276, 2018) a cura di Maria Grazia Calandrone.

Da questo desiderio di morte

Chi mi libera – Signore.

Ho sentito per la strada

Qualcuno che mi chiamava.

Ho una conchiglia nel cuore

Con dentro una perla amara.

Mi piego sulla vita breve

Come una pianta spezzata –

Una morte dolce

Mi chiama – mi chiama.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...